Daniel Roth

Tu sei qui

 

È per l’ammirazione di Albert Schweitzer, il celebre medico, teologo e organista alsaziano, che Daniel Roth, nato nel 1942, comincia lo studio dell’organo, insieme a quello del piano e della
composizione, al Conservatorio di Mulhouse, sua città natale. Al Conservatorio Nazionale Superiore di Musica di Parigi, egli ottiene il diploma con cinque primi premi in organo e improvvisazione (1963, classe di Rolande Falcinelli), armonia (1962, classe di Maurice Duruflé), contrappunto e fuga (1963, classe di Marcel Bitsch) e accompagnamento al pianoforte (1970, classe di Henriette Puit-Roget). Studia, inoltre, organo con Marie-Claire Alain, approfondendo l’interpretazione della musica antica e preparandosi, unitamente al primo, alle rassegne internazionali. Vince molti concorsi mondiali: Arnhem, Munich, Aosta, il gran premio di alta esecuzione e improvvisazione degli “Amis de l’Orgue-Paris” e il primo gran premio a Chartres nel 1971 in interpretazione e improvvisazione. Nel 1963 diventa sostituto di Rolande Falcinelli al grande organo della Basilica del Sacro Cuore di Parigi, per poi conseguirne, nel 1973, la titolarità, conservata fino a quando non viene nominato a Saint-Sulpice, dove succede, nel 1985, a Charles-Marie Widor, Marcel Dupré, Jean-Jacques Grunenwald. È membro della commissione degli organisti storici del Ministero della Cultura francese. Dopo aver insegnato organo a Marsiglia, poi all’Università cattolica di Washington D.C., a Strasburgo e a Saarbrücken, egli succede a Helmut Walcha e a Edgar Krapp alla Musikhochschule di Francoforte dal 1996 al 2007. Daniel Roth percorre una carriera internazionale: recital, concerti, sia come solista, che con grandi orchestre, corsi di specializzazione, conferenze, registrazioni alla radio e alla televisione e giudice di concorsi. Nel 2005 inaugura l’organo Karl Schuke (Berlin) della sala concerti “Grande Duchesse Joséphine-Charlotte” di Luxembourg, per la cui costruzione egli è stato consigliere artistico. La sua importanza discografica è legata all’incisione delle opere dal XII secolo ai nostri giorni. Molte sue registrazioni hanno ottenuto delle significative onorificenze dalla critica: “Diapasons d’Or” e “Choc de la Musique“. Daniel Roth è anche compositore: infatti, scrive opere per solo organo solo, organo e flauto per coro a cappella, coro e organo, solisti coro e organo e orchestra. Molte opere sono state registrate su cd e videocassette. Il 21 gennaio 1999, nella chiesa della Maddalena a Parigi, si è tenuto un concerto interamente dedicato alle sue opere e nel novembre 1999 l’Accademia delle Belle Arti dell’Istituto Francese gli ha conferito il premio di composizione “Florent Schmitt”. Daniel Roth è Cavaliere della Legione d’Onore, Ufficiale delle Arti e Lettere e “Honorary Fellow of the Royal College of Organists” (Ospite d’onore del Regio Collegio degli organisti) di Londra. Egli ha ricevuto il premio per la Musica Sacra Europea 2006 del Festival di Germania. Il 15 maggio 2009, dopo il concerto tenuto nell’ambito dell’Accademia Europea d’organo Albert Schweitzer (Foresta Nera, Germania), Daniel Roth ha ricevuto la Grande Croce d’Onore per le Arti e le Scienze dalla Società Austriaca Albert Schweitzer. [dicembre 2015]

 

* * *