ceteris paribus o della morte liturgica del canto gregoriano

Nell'anarchico "mare magnum" liturgico-musicale italiano... dite la vostra!

ceteris paribus o della morte liturgica del canto gregoriano

Messaggioda admin » 06/12/2016, 17:57

Gentili lettori,

sapete bene che molti vanno lamentandosi che la Chiesa, dopo il 4 dicembre 1963, ha definitivamente fatto morire il ruolo liturgico del canto gregoriano a dispetto di quanto indicato in "Sacrosanctum Concilium" n. 116:

- « La Chiesa riconosce il canto gregoriano come canto proprio della liturgia romana; perciò nelle azioni liturgiche, A PARITA' DI CONDIZIONI, gli si riservi il posto principale. Gli altri generi di musica sacra, e specialmente la polifonia, non si escludono affatto dalla celebrazione dei divini uffici, purché rispondano allo spirito dell'azione liturgica».

E forse molti di voi da tempo vanno chiedendosi cosa voglia dire quel sibillino «a parità di condizioni» (nel testo ufficiale latino "ceteris paribus")!...

Per fugare ogni dubbio, riportiamo al seguente collegamento http://liturgiaetmusica.blogspot.it/201 ... ribus.html due autorevoli interventi in subjecta materia che spero potranno essere dirimenti.

Nell'attesa di vostri eventuali graditi commenti, grazie per la cortese l'attenzione e cordiali saluti.
admin
Amministratore
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 26/04/2012, 16:38

Torna a il canto nel culto divino della Chiesa cattolica in Italia...

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron