Un pornofono in Vaticano!?...

Questo nuovo spazio è rivolto a chiunque svolga attività di organista a qualsiasi titolo, nonché a coloro che seguono il mondo dell'organo e della musica organistica come semplici appassionati.

Attendiamo con piacere le vostre iscrizioni e suggerimenti per dibattere qualsiasi argomento che vi stia a cuore.

Un pornofono in Vaticano!?...

Messaggioda admin » 30/12/2017, 20:07

Dopo l'abortito progetto (1875) dell'organaro francese Aristide Cavaillé-Coll per un grandioso organo da elevarsi sulla controfacciata della Basilica di San Pietro in Vaticano... siamo giunti (Natale 2017) alla "sontuosa" miseria di un elettrofono statunitense: davvero non vi era soluzione migliore?... Il pensiero corre spontaneo verso l'organo maggiore della Cattedrale di Notre-Dame a Parigi unitamente a quello "corale" sistemato nel presbiterio sopra gli stalli... Ulteriori dettagli nella pagina internet http://www.organieorganisti.it/organo-allen-vaticano
admin
Amministratore
 
Messaggi: 16
Iscritto il: 26/04/2012, 16:38

Re: Un pornofono in Vaticano!?...

Messaggioda eugeniobe » 30/12/2017, 21:26

Il clamoroso declino della musica in Vaticano continua a stupire, possiamo dare la colpa a una buona dose di incompetenza, superficialità, insensibilità e ignoranza tralasciando di ipotizzare motivazioni meno edificanti.
Francamente non mi stupisce la "felice" iniziativa di Mons.Palombella anche se mi rifiuto di credere che il M° Paradell abbia plaudito a quanto accaduto.
Visto che al peggio non c'è limite resto in attesa di altre novità liturgiche tipo l'Omelia preregistrata e il distributore automatico di Ostie, si risparmierebbe un sacco di lavoro e sarebbe tutto più semplice.
Visto il clima di revisionista attuale mi azzardo a lanciare una proposta, mandiamo a casa tutta la Cappella Sistina Direttore compreso sostituendola con un bel coro virtuale, sicuramente si risparmierebbero un sacco di soldi ottenendo un risultato incommensurabilmente migliore.
eugeniobe
 
Messaggi: 0
Iscritto il: 17/07/2013, 22:38

Re: Un pornofono in Vaticano!?...

Messaggioda Cinghiale » 31/12/2017, 9:14

Desta non poco scalpore leggere che tali orpelli elettronici siano pomposamente definiti Organi, tanto dai costruttori, quanto dagli incauti acquirenti. Non si comprende il motivo per il quale la stessa Chiesa, che, ormai, solo a parole, dice di tenere in grande onore l'Organo a canne, installi un elettrodomestico proprio nella Madre di tutte le Basiliche; anche per un utilizzo esterno, se il vecchio Walcker ha dei problemi, lo si può sostituire con un altro Organo degno di questo nome: non sono nemmeno pochi gli Organi che emettono la loro voce, ben diversa dal gracchiare come apparecchio radiofonico, all'esterno.
Cinghiale
 
Messaggi: 0
Iscritto il: 08/10/2013, 22:14

Re: Un pornofono in Vaticano!?...

Messaggioda organumperla » 02/01/2018, 20:50

A costo di andare controcorrente, mi pare che questa polemica, oltre ad essere oltremodo sterile, abbia raggiunto toni francamente inammissibili. Sinceramente non condivido la levata di scudi contro la messa in opera di un organo campionato nella Basilica di San Pietro. Il punto focale non è tanto la scelta operata in favore di uno strumento che si discosta dalla tradizione organaria ed è invece espressione della più alta tecnologia oggi disponibile in materia di produzione del suono. A mio avviso bisogna guardare alle motivazioni che hanno determinato una simile scelta, e che si possono condividere oppure no, ma certo mi sembra arbitrario ed ingiusto qualificarle come scellerate, ed ancor più inaccettabile mi sembra l'atteggiamento di chi qualifica il nuovo strumento come "pornofono". Premesso che l'acustica all'interno della Basilica è molto problematica, e premesso altresì che, trattandosi della Basilica di San Pietro, fulcro della Cristianità, le esigenze liturgiche sovrastano e devono sovrastare quelle artistiche, mi pare evidente che alla decisione di installare un organo campionato si sia giunti dopo accurate verifiche di tutte le soluzioni alternative disponibili. Mi fa ridere chi sostiene che sarebbe stato più opportuno ingrandire l'organo esistente oppure costruirne uno nuovo posizionando i corpi sonori in diversi punti della Basilica: mi domando...DOVE ESATTAMENTE? Non mi pare proprio che la Basilica vanti aree e spazi vuoti, privi di opere d'arte, disponibili per una installazione di tal fatta. E certo non credo che sarebbe stato opportuno posizionare le canne davanti a statue, marmi, tele, affreschi, decorazioni e quant'altro, o addirittura togliere questi elementi decorativi per far posto ad esse. E LA SPESA? Mi pare che si sia scelta la soluzione più logica e più rispettosa del nuovo corso della chiesa in materia di uso delle risorse disponibili. Ma quanto sarebbe costato un organo delle dimensioni tali da poter servire l'intera Basilica? Uno sproposito probabilmente: e allora si sarebbe detto di tutto su questa scelta, se fosse stata presa. Si sarebbe gridato allo scandalo, allo spreco, e via di seguito. Criticare dall'esterno è facile, pontificare in nome di una tradizione organaria vilipesa ancora più facile. Ma guardiamo in faccia la realtà: siamo davvero certi che il tanto vituperato organo campionato non sia idoneo a supportare le celebrazioni liturgiche e le esigenze di trasmissione delle stesse? E siamo certi che la gran parte delle persone sia in grado di distinguere il suono prodotto da un organo campionato e quello di un organo a canne?
organumperla
 
Messaggi: 0
Iscritto il: 03/12/2015, 14:59

Re: Un pornofono in Vaticano!?...

Messaggioda lucattani » 02/01/2018, 22:59

Buonasera e buon anno a tutti i partecipanti al forum.
Ho letto più volte (mi è arrivata 'sta cosa del "pornofono" in San Pietro almeno tre volte) l'oggetto della discussione riguardo all'uso di un organo, ops, pardom, elettrofono in San Pietro.
Ho letto commenti depressivi, qualcuno addirittura vede in questo il declino della Chiesa...
Da organista principiante (svolgo nel possibile il mio compito ogni domenica mattina quando non c'è l'organista titolare) formatosi su un FARFISA CH-32, sento meno ribrezzo per queste "innovazioni".
Magari può stupire che in San Pietro, luogo di culto non certo a corto di fondi, si sia optato per qualcosa di elettronico invece di un organo acustico (un portativo). In generale però bisogna essere realisti : con la crisi delle vocazioni, della partecipazione alle celebrazioni, alla necessità di chiudere delle chiese perché, in inverno, risulta uno spreco scaldarle... ha proprio senso pensare ad investire in organi acustici?
Parlo dei casi in cui si decide di spendere decine di migliaia di euro, per mettere un organo acustico ove non c'è lo spazio, oppure non risulta funzionale alla celebrazione. In quei casi dove si costringe il coro ad occupare una zona della chiesa acusticamente sconveniente (come, purtroppo, il Concilio Vaticano II ha imposto...affinché il coro sia parte dell'assemblea...). Insomma, la tecnologia in questi casi deve proprio essere rifiutata? Allora eliminiamo anche le luci elettriche, l'amplificazione... il riscaldamento.
Sto esagerando, allo stesso modo di chi ritiene che celebrare con uno strumento elettronico sia l'equivalente di usare un calice di plastica. Si rischia di confondere, per ideologia, la praticità con l'eresia.
Poi si può discutere sulla qualità di certi strumenti spacciati per "organi" ma che, per limiti tecnologici dell'epoca di costruzione, o per una pessima installazione (tanti credono che un elettrofono possa bastare a se stesso come amplificazione...) non riescono ad essere neanche lontanamente simili al suono del Principe.
Buon 2018 !
lucattani
 
Messaggi: 0
Iscritto il: 01/02/2017, 22:57

Re: Un pornofono in Vaticano!?...

Messaggioda Alessandro72 » 02/01/2018, 23:12

Purtroppo l’incompetenza ha un prezzo. Queste sono le ovvie conseguenze della superficialità con cui nella Chiesa si trattano le questioni artistiche. Un tempo queste cose erano affidate a laici di chiara fama. Il prossimo passo è Frisina, tranquilli.
Alessandro72
 
Messaggi: 0
Iscritto il: 16/09/2015, 15:48

Re: Un pornofono in Vaticano!?...

Messaggioda filippo » 03/01/2018, 10:04

Buongiorno. Ho lavorato ultimamente in ambito organario con ditte di elevatissima qualità nel restauro e sinceramente sono attonito da queste inattese tendenze. L'elettronico lo trovo adatto solamente in ambito personale, a casa, per motivi di studio: infatti si puo' suonare in cuffia, emulare grandi strumenti, introdurre riverberi artificiali e quant'altro. Ma in un grande ambiente l'elettronico è puramente una mera e goffa imitazione, sgradevole e artificiale. Per avere un risultato decente si dovrebbe investire in diffusori e amplificazione tanto quanto richiesto da un vero organo. Ma qui, trovo che la preparazione e la sensibilità musicale di chi ha deciso questa barbarie siano veramente al livello del risultato. Non ci sono parole.
filippo
 
Messaggi: 0
Iscritto il: 06/03/2014, 10:18

Re: Un pornofono in Vaticano!?...

Messaggioda Alessandro72 » 04/01/2018, 19:27

Cerco di spiegare a chi non è organista che nessuno discute sul fatto che quel manufatto sia l'ultimo ritrovato in termini di tecnologia. Un organista - e sarà senz'altro d'accordo chiunque sappia cosa significa suonare l'organo (no "fai-da-te", servono studi accademici approfonditi!) - è però tale se sa suonare un organo (uno strumento musicale, secondo la definizione di Curt Sachs, dotato di canne alimentate da aria prodotta da mantici e azionate tramite una tastiera), non un ritrovato tecnologico. Amanti della tecnologia mettetevi il cuore in pace e, se volete, imparate a distinguere studiando.
Aggiungo che il concetto di oggettività del bello dovrebbe tornare a far capolino in qualunque ragionamento. Soprattutto per quanto riguarda le cose di pertinenza culturale che hanno bisogno di una criticità colta e preparata. In parole povere: per poter giudicare se un brano musicale (o uno strumento, come in questo caso) è bello, buono o meno, non ci si può basare sul mero gusto personale bensì su una salda preparazione specifica. Un conto è ciò che a me piace, un conto è ciò che invece è bello. Quel manufatto è un ottimo prodotto tecnologico ma NON ha nulla a che vedere con un organo e chi lo suona NON può in alcun modo sostenere che si tratta di tale strumento musicale. A meno che NON sappia di cosa sta parlando.
Alessandro72
 
Messaggi: 0
Iscritto il: 16/09/2015, 15:48

Re: Un pornofono in Vaticano!?...

Messaggioda WebOrganist » 05/01/2018, 20:41

Presento che Associazione Italiana Organari scrive al cardinale Sarah lettera di lamento! http://www.organieorganisti.it/appello- ... o-vaticano
WebOrganist
 
Messaggi: 0
Iscritto il: 30/04/2016, 17:37

Re: Un pornofono in Vaticano!?...

Messaggioda Tonino » 06/01/2018, 16:54

... perché tanto scandalo?! Ditemi in quante chiese in Italia non vi sia alcun elettrofono regolarmente utilizzato accanto (o addirittura in sostituzione) all'organo a canne più o meno funzionante!! Per non parlare di organisti diplomati che hanno inaugurato addirittura in concerto uno di questi più o meno interessanti surrogati dell'organo a canne!...
Tonino
 
Messaggi: 0
Iscritto il: 31/08/2015, 16:05
Località: Cerveteri


Torna a Benvenuto nella nuova piazza dedicata agli organisti e agli appassionati d'organo italiani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron