Dalla fonazione alla salmodia - per operatori liturgici

Nell'anarchico "mare magnum" liturgico-musicale italiano... dite la vostra!

Dalla fonazione alla salmodia - per operatori liturgici

Messaggioda Fabio358 » 12/11/2020, 19:03

PROPOSTA DI CORSO – DALLA FONAZIONE ALLA SALMODIA – PER OPERATORI LITURGICI
- PRESENTAZIONE
La fonazione nell’essere umano risponde a leggi naturali iscritte nella funzionalità della laringe e di tutto il tratto vocale, nonché dell’apparato uditivo e del sistema nervoso centrale e periferico. Forme antiche di canto liturgico hanno avuto un naturale approccio a tali leggi sviluppando salmodie centrate sulla naturale capacità della voce umana di entrare in risonanza sul proprio tono centrale. Tale capacità è andata progressivamente disperdendosi con la specializzazione e lo sviluppo dell’arte musicale e il suo separarsi dalla dimensione di culto nella liturgia.
La proposta di corso è focalizzata sul rimettere al centro le leggi naturali della fonazione da cui scaturiscono le premesse per un canto naturale che può rendere accessibile a chiunque _ non necessariamente solo a professionisti della musica _ la capacità di operare a vario titolo nelle varie funzioni della liturgia (canto solistico e corale, letture, preghiere vocali).
Il corso si può svolgere sia in forma individuale che di gruppo; in questi tempi di incertezza dovuta alla pandemia è disponibile anche la modalità a distanza (online).

- IN FORMA INDIVIDUALE
Lezioni di un’ora con esercizi senza suono (isometria anticipatoria = capacità dei tessuti muscolari di autoregolarsi con pratiche simili a una ginnastica dolce anche da fermo); esercizi con suono (note lunghe tenute su registro centrale comodo per ogni persona, individuazione delle problematiche tecniche, vocali o corporee e loro risoluzione con un progressivo sviluppo delle capacità di emissione vocale, range sonoro e scioglimento delle tensioni); accostamento al repertorio (dall’esercizio sul tono centrale di ogni persona a frammenti di canto liturgico basati sulla centralità di un tono principale e graduale allargamento dell’estensione; confronto e adattamento ad altre tipologie di repertorio)
- IN FORMA CORALE
Sessione di due ore; gli esercizi senza suono similari alla forma individuale; gli esercizi con suono in gruppo con momenti individuali o per sezioni; accostamento al repertorio con le stesse modalità della forma individuale, ma partendo dal brano corale, sempre lavorando anche con momenti individuali e per sezioni.
- PER LO STRUMENTISTA
L’apparato neuronale dello strumentista è il medesimo del cantante; numerosi studi dimostrano come gli strumenti musicali riflettano esteriormente caratteristiche della voce umana e dell’apparato fonatorio, ciascuno strumento con una sua peculiarità specifica. Per lo strumentista è di grande efficacia confrontarsi con la propria emissione vocale _ anche se non canterà mai a livello pubblico professionale _ e trasferire le sensazioni ricavate da tali esercitazioni alla pratica strumentale, poi unendosi ai cantanti e ai coristi nella pratica del repertorio con le medesime modalità sopra descritte.

PER INFO E PRENOTAZIONI:
- Tel. 3279006288 – mail: traccesonore358@gmail.com
Fabio358
 
Messaggi: 0
Iscritto il: 22/10/2020, 13:15

Torna a il canto nel culto divino della Chiesa cattolica in Italia...

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron