A MARCO ENRICO BOSSI (1861 - 1925) 
MAESTRO DELLA NUOVA SCUOLA ORGANISTICA ITALIANA

Tu sei qui

Giovedì, 19 Maggio, 2011 - 22:45

Sezione Concerti

Interpreti: Soprano: CAROLINA LIPPO Violinista: CONSTANCE FREI Organisti: MASSIMO NOSETTI PIER DAMIANO PERETTI LUCA SALVADORI ANDREA MACINANTI Violinisti: MASSIMO NESI, STEFANO CHIAROTTI Violista: MARGHERITA FANTON Violoncellista: ANTONELLO MOSTACCI

Organizzatore / Partners:
Organi antichi, un patrimonio da ascoltare
Marco Enrico Bossi è stato il più grande organista e compositore italiano vissuto tra Otto e Novecento. Alla sua febbrile attività concertistica e compositiva, affiancò anche una determinate azione didattica che ebbe importanti esiti nella radicale riforma dei programmi di studio nei conservatori italiani. Grazie a Bossi il modo di suonare e di comporre per l’organo conobbe nel nostro Paese un secondo rinascimento: furono costruite decine di strumenti moderni e i compositori italiani trovarono la forza per allinearsi ai capolavori che erano stati scritti oltralpe mentre in Italia l’organo era quasi esclusivamente un surrogato dell’orchestra operistica. Ecco perchè è doveroso iniziare una celebrazione del Maestro proprio dai suoi frutti più maturi, dagli esiti che ha avuto in una giovane scuola di compositori che, grazie a lui, dopo un secolo trova ancora nell’organo una fonte feconda d’ispirazione. Nel caso specifico del concerto del 19 maggio, alcune delle partiture che saranno eseguite sono state composte espressamente per la celebrazione e traggono ispirazione sia da tracce fornite dallo stesso Bossi nelle sue composizioni sia dal mondo della poesia che lo circondò grazie all’amicizia di poeti come Fogazzaro e Pascoli.