Articoli

Tu sei qui

Ritratto di olimaioc

L'organo in Italia: questo sconosciuto

Il re degli strumenti musicali è, a livello popolare, pressoché misconosciuto e, a livello ecclesiale, limitato al (sempre più misero) ruolo che occupa all'interno del culto divino della Chiesa cattolica.
Ritratto di olimaioc

Ogni due organi restaurati si finanzi un organista

“Ogni due organi restaurati si finanzi un organista”
 
di Fausto Caporali [*]

Ritratto di olimaioc

Un'occasione unica

 

Giacomo Baroffio

 

Un’occasione unica

 

Ritratto di olimaioc

Per sanare l'attuale stato della situazione organistica italiana

Nel 1969 un trentunenne Giancarlo PARODI dettava, in occasione del 3.o Convegno Organistico Italiano a Ravenna, qualche ricetta utile «per sanare l'attuale stato della situazione organistica italiana»: non credo sarete stupiti leggendo che buona parte di quegli auspici sono purtroppo rimasti pure illusioni...
Ritratto di olimaioc

In ricordo di Peter Williams

 

In ricordo di Peter Williams
 

Ritratto di olimaioc

Per una difesa della naturale evoluzione degli organi musicali

Due interventi di Francesco Finotti e Fausto Caporali -
Ritratto di olimaioc

Uno sguardo al passato per un futuro migliore

Nel secondo anniversario della scomparsa di Luigi Ferdinando Tagliavini (11 luglio 2017), segnaliamo una cronaca del convegno che giusto un anno fa si è tenuto a Pieve di Cadore (BL) in suo ricordo. - 
Ritratto di olimaioc

La passione per gli organi "veri"

Oggi va forte Youtube, che liofilizza ogni cosa e la porta a casa gratis con un click. Così tutta questa tecnologia ci travolge con un'offerta al di sopra della nostra capacità di fruizione, ci impigrisce illudendoci di avere il mondo a portata di mano e ci ottunde l'udito a furia di mp3 sparati nelle cuffiette. E allora viene a mancare il tempo, il bisogno di fare un'esperienza diretta, il gusto formato e fondato su questa esperienza, la capacità di riconoscere e di apprezzare un bel suono o una bella acustica. -
Ritratto di olimaioc

Ricordando Pierre PINCEMAILLE


«È quantomeno inaudito che, in molti casi, l’organista sia subordinato ad un animatore spesso incompetente in musica, reclutato tra i parrocchiani, e che gli impone una scelta di canti abominevoli, tipo canzonetta da varietà di più bassa lega. Questo repertorio orribile è la vergogna (sul piano artistico) del cattolicesimo contemporaneo».

Pagine