Johann Pachelbel

Tu sei qui

Johann Pachelbel è nato nel 1653 a Norimberga in una famiglia di classe media, figlio di Johann (Hans) Pachelbel (nato nel 1613 a Wunsiedel, Germania), un rivenditore di vino e la sua seconda moglie Anna Anna Mair. La data esatta della nascita di Johann è sconosciuta, ma da quando è stato battezzato il 1 ° settembre, potrebbe essere nato a fine agosto. Fra i suoi numerosi fratelli si trovava un fratello maggiore, Johann Matthäus (1644-1710), che funge da Kantor a Feuchtwangen, vicino a Norimberga.

 

Durante la sua giovinezza, Pachelbel ha ricevuto la formazione musicale da Heinrich Schwemmer, musicista e musicista, che divenne poi cantore della chiesa di S. Sebaldus (Sebalduskirche). Alcune fonti indicano che Pachelbel studia anche con Georg Caspar Wecker, organista della stessa chiesa e un importante compositore della scuola di Norimberga, ma questo è ormai improbabile. [8] In ogni caso sia Wecker che Schwemmer sono stati addestrati da Johann Erasmus Kindermann, uno dei fondatori della tradizione musicale di Norimberga, che era stato in passato un allievo di Johann Staden.

 

Johann Mattheson, il cui Grundlage einer Ehrenpforte (Amburgo, 1740) è una delle fonti più importanti di informazioni sulla vita di Pachelbel, ricorda che i giovani Pachelbel hanno dimostrato eccezionali abilità musicali e accademiche. Ha ricevuto la sua formazione primaria presso St. Lorenz Hauptschule e l'Auditorio Aegediano a Norimberga, poi il 29 giugno 1669 è diventato uno studente all'università di Altdorf, dove è stato nominato anche organista della chiesa di St. Lorenz lo stesso anno. Le difficoltà finanziarie costrinse Pachelbel a lasciare l'università dopo meno di un anno. Al fine di completare gli studi è diventato uno studente di borsa, nel 1670, al Gymnasium Poeticum di Regensburg. Le autorità scolastiche erano così impressionate dalle qualifiche accademiche di Pachelbel che era stato ammesso al di sopra della quota normale della scuola.

Pachelbel era anche ammesso a studiare la musica al di fuori della palestra. Il suo insegnante era Kaspar (Caspar) Prentz, una volta studente di Johann Caspar Kerll. Dal momento che quest'ultimo è stato fortemente influenzato da compositori italiani come Giacomo Carissimi, probabilmente attraverso Prentz Pachelbel ha iniziato a sviluppare un interesse per la musica contemporanea italiana e la chiesa cattolica in generale.

 

Prentz è partito per Eichstätt nel 1672. Questo periodo della vita di Pachelbel è il meno documentato, quindi non si sa se sia rimasto a Regensburg fino al 1673 o abbia lasciato lo stesso anno che il suo insegnante ha fatto; In ogni caso, nel 1673 Pachelbel viveva a Vienna, dove divenne vice organista alla famosa Cattedrale di Santo Stefano (Stephansdom). All'epoca, Vienna era il centro del grande impero degli Asburgo e aveva molto importanza culturale; I suoi gusti nella musica erano prevalentemente italiani. Numerosi compositori cosmopoliti celebri hanno lavorato, molti dei quali hanno contribuito allo scambio di tradizioni musicali in Europa. In particolare, Johann Jakob Froberger è stato organista di corte a Vienna fino al 1657 ed è stato seguito da Alessandro Poglietti. Georg Muffat ha vissuto in città per qualche tempo e, soprattutto, Johann Caspar Kerll si trasferì a Vienna nel 1673. Mentre lì, può aver conosciuto o persino insegnato Pachelbel, la cui musica mostra tracce dello stile di Kerll. Pachelbel ha trascorso cinque anni a Vienna, assorbendo la musica dei compositori cattolici della Germania meridionale e dell'Italia. Per alcuni aspetti, Pachelbel è simile a Haydn, che anche nella sua giovinezza è stato musicista dello Stephansdom e come tale è stato esposto alla musica dei compositori principali del tempo.

 

Nel 1677, Pachelbel si trasferì a Eisenach dove trovò lavoro come organista di corte sotto Kapellmeister Daniel Eberlin (anche nativo di Norimberga), nell'impiego di Johann Georg I, duca di Saxe-Eisenach. Ha conosciuto membri della famiglia Bach di Eisenach (che era la città natale del padre di J. S. Bach, Johann Ambrosius Bach) e divenne un amico di Johann Ambrosius e tutor ai suoi figli. [13] Tuttavia, Pachelbel ha trascorso un solo anno a Eisenach. Nel 1678, Bernhard II, il duca di Saxe-Jena, fratello di Johann Georg, è morto e durante il periodo di lutto i musicisti della corte sono stati notevolmente ridotti. Pachelbel è stato lasciato disoccupato. Ha richiesto una testimonianza di Eberlin, che ha scritto uno per lui, descrivendo Pachelbel come "virtuoso perfetto e raro" - einen perfekten und raren Virtuosen. Con questo documento, Pachelbel ha lasciato Eisenach il 18 maggio 1678.

 

Nel giugno del 1678 Pachelbel fu impiegato come organista della Predigerkirche di Erfurt, successivamente a Johann Effler (1640-1711; Effler più tardi ha preceduto Johann Sebastian Bach a Weimar). La famiglia Bach era molto conosciuta a Erfurt (dove praticamente tutti gli organisti sarebbero stati chiamati in seguito "Bachs"), così l'amicizia di Pachelbel con loro continuava qui. Pachelbel è diventato padrino della figlia di Johann Ambrosius, Johanna Juditha, insegnando a Johann Christoph Bach (1671-1721), fratello maggiore di Johann Sebastian, e vissuto nella casa di Johann Christian Bach (1640-1682). Pachelbel è rimasto a Erfurt per 12 anni e ha stabilito la sua reputazione come uno dei principali compositori tedeschi dell'epoca durante il suo soggiorno. Il preludio corale è diventato uno dei suoi prodotti più caratteristici del periodo di Erfurt, dal momento che il contratto di Pachelbel lo ha specificamente richiesto a comporre i preludi per i servizi della chiesa. Le sue funzioni comprendevano anche la manutenzione degli organi e, soprattutto, la composizione di un lavoro su larga scala ogni anno per dimostrare i suoi progressi come compositori e organisti, in quanto ogni opera di quel tipo doveva essere migliore di quella composta l'anno precedente.

 

Johann Christian Bach (1640-1682), padrone di Pachelbel a Erfurt, morì nel 1682. Nel giugno del 1684 Pachelbel acquistò la casa (chiamata Zur silbernen Tasche, ora Junkersand 1) dalla vedova di Johann Christian. Nel 1686 fu offerto come organista della chiesa di Trinitatis (Trinitatiskirche) di Sondershausen. Pachelbel ha inizialmente accettato l'invito, ma, come indica una lettera autografa sopravvissuta, ha dovuto rifiutare l'offerta dopo una lunga serie di negoziati: sembra che egli fosse tenuto a consultarsi con gli anziani di Erfurt e le autorità ecclesiastiche prima di prendere in considerazione qualsiasi offerta di lavoro. Sembra che la situazione sia stata risolta tranquillamente e senza danno alla reputazione di Pachelbel; Fu offerto un rilancio e rimase in città per altri quattro anni.

 

Pachelbel si sposò due volte durante il suo soggiorno a Erfurt. Barbara Gabler, figlia dello Stadt-Major di Erfurt, è diventata la sua prima moglie, il 25 ottobre 1681. Il matrimonio è avvenuto nella casa del padre della sposa. Purtroppo entrambi Barbara e il loro unico figlio sono morti nell'ottobre 1683 durante una peste. Il primo lavoro pubblicato da Pachelbel è stato probabilmente influenzato da questo evento, una serie di variazioni corali chiamate Musicalische Sterbens-Gedancken ("Pensieri musicali sulla morte", Erfurt, 1683).

 

Dieci mesi dopo, Pachelbel sposò Judith Drommer (Trummert), figlia di un coppersmith, [19] il 24 agosto 1684. Avevano cinque figli e due figlie. Due dei figli, Wilhelm Hieronymus Pachelbel e Charles Theodore Pachelbel, sono divenuti anche compositori d'organo; Quest'ultimo si trasferì nelle colonie americane nel 1734. Un altro figlio, Johann Michael, divenne strumento di strumenti a Norimberga e viaggiò fino a Londra e Giamaica. Una delle figlie, Amalia Pachelbel, ha ottenuto il riconoscimento come pittore e incisore.

 

Sebbene Pachelbel fosse un organista, compositore e maestro straordinariamente successo a Erfurt, chiese il permesso di lasciare, apparentemente cercando un appuntamento migliore e fu rilasciato formalmente il 15 agosto 1690, con una testimonianza che elogi la sua diligenza e fedeltà.

Fu impiegato in meno di due settimane: dal 1 ° settembre 1690, è stato organista-musicista nel tribunale di Württemberg a Stoccarda sotto il patrocinio della duchessa Maddalena Sibylla. Quel lavoro era migliore, ma, purtroppo, vive solo due anni prima di fuggire dagli attacchi della Guerra della Grande Alleanza. Il suo successivo lavoro era a Gotha come organista cittadino, un posto dove occupava per due anni, a partire dall'8 novembre 1692; Lì ha pubblicato la sua prima e solo collezione di musica liturgica: Acht Chorale zum Praeambulieren nel 1693 (Erster Theil etlicher Choräle).

 

Quando l'ex alunno Johann Christoph Bach sposò nell'ottobre del 1694, la famiglia Bach festeggiava il matrimonio il 23 ottobre 1694 a Ohrdruf e lo invitò e altri compositori a fornire la musica; Probabilmente ha partecipato - se è così, è stata l'unica volta J.S. Bach, allora nove anni, conobbe Johann Pachelbel.

 

Nei suoi tre anni a Gotha, è stato offerto due volte a posizioni, a Stoccarda ea Oxford University; Ha rifiutato entrambi. Nel frattempo, a Norimberga, quando l'organista della chiesa di San Sebaldus Georg Caspar Wecker (e il suo possibile ex professore) morì il 20 aprile 1695, le autorità cittadine stavano tanto ansiose di nominare Pachelbel (allora un famoso Norimberga) alla posizione che loro hanno ufficialmente invitato Lo supponga senza tenere il consueto esame del posto di lavoro o invitare le richieste di organi prominenti di chiese minori. Accettò, fu rilasciato da Gotha nel 1695 e arrivò a Norimberga in estate, con il consiglio comunale pagando le spese per diem.

 

Pachelbel ha vissuto il resto della sua vita a Norimberga, durante la quale ha pubblicato la collezione di musica da camera Musicalische Ergötzung e, soprattutto, l'Hexachordum Apollinis (Norimberga, 1699), un set di sei arie tastiere con variazioni. Pur maggiormente influenzato dai compositori italiani e meridionali, conosceva la scuola settentrionale tedesca, perché dedicò il Hexachordum Apollinis a Dieterich Buxtehude. Composto anche negli ultimi anni sono stati Vespri concerto con influenza italiana e un insieme di più di novanta Magnificat fugues.

 

Johann Pachelbel è morto all'età di 52 anni, all'inizio di marzo 1706, ed è stato sepolto il 9 marzo; Mattheson cita il 3 marzo o il 7 marzo 1706 come data di morte, ma è improbabile che il cadavere sia stato permesso di rimanere indefinito fino a sei giorni. L'usanza contemporanea era quella di seppellire i morti il terzo o il quarto giorno post-mortem; Quindi, il 6 o il 7 marzo 1706 è una data di morte più affidabile. È sepolto nel cimitero di San Rocco.

 

[traduzione automatica da https://en.wikipedia.org/wiki/Johann_Pachelbel]