Elena Bugini, La «ricchezza di ornamenti» dell’antico organo dei Ss. Eusebio e Vittore a Peglio

Tu sei qui

Ritratto di olimaioc

 

 

Elena Bugini, La «ricchezza di ornamenti» dell’antico organo dei Ss. Eusebio e Vittore a Peglio

 

Questo contributo è stato scritto, nel corso dell’estate 2015, sviluppando riflessioni soltanto abbozzate, nel settembre 2014, durante un sopralluogo nell’Alto Lario. È mio desiderio ringraziare in limine: Federico Lorenzani, per avermi sollecitata allo studio della mostra d’organo di Peglio, consentendomi di recuperare nozioni acquisite e competenze maturate, ormai più di tre lustri fa, mentre redigevo la tesi di laurea; Beatrice Bentivoglio-Ravasio, responsabile del Servizio tutela organi del Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per la Lombardia (già Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Lombardia) con sede in Palazzo Litta a Milano, per avermi preventivamente fornita qualche fondamentale «dritta» di studio e, soprattutto, a studio ormai avviato, per avermi messa a disposizione tutta la documentazione relativa al complesso restauro dello strumento (2000-2013), nonché per aver con me condiviso le sue illuminanti riflessioni ed ipotesi su paternità e cronologia dello stesso; Ambrogio Cesana ed Andrea e Vittorio Comalini, per avermi consentite visita e campagna fotografica della parrocchiale dei Ss. Eusebio e Vittore; Giulio Bora, per le indicazioni bibliografiche relative al Fiammenghino; e, come sempre, al mio sposo, Paolo Bottini, senza il cui sostegno questo studio non sarebbe stato possibile.

 

- dettagli sull'organo "Antegnati" di Peglio cliccando questo collegamento

- l'articolo è scaricabile qui in calce ad esclusivo uso degli utenti iscritti al presente sito

 

 

Sezione: 
Autore: 
Elena Bugini
Qualifica autore: 
storica dell'arte