Zanzarella Ivano

Tu sei qui

Residenza:
Molfetta (BA)
Curriculum breve:

È nato a Molfetta nel 1995. Nel 2016, si è diplomato in Organo e Composizione organistica con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale presso il Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari, sotto la guida di Vincenzo Filacaro. Si è perfezionato con M. Radulescu a Lipsia e L. Tamminga a Bologna. Svolge regolarmente attività concertistica in qualità di organista. Inoltre, costituiscono alcuni dei sui maggiori interessi lo studio del clavicembalo e del basso continuo, nonché della prassi esecutiva relativa alla musica antica e barocca. Nel 2012 è risultato vincitore del 1° Premio nel Concorso organistico internazionale “Don Vincenzo Vitti” di Castellana Grotte (BA) e nel 2015, del 3° Premio nel “Premio delle Arti”, concorso nazionale indetto dal MIUR dedicato per l’anno alla memoria del M° Claudio Abbado. Sempre nel 2015, in Lussemburgo, ha preso parte alle attività estive organizzate dall’Orchestra Barocca dell’Unione Europea, sotto la direzione di L. U. Mortenssen. Svolge stabilmente attività liturgico-musicale presso le chiese di S. Domenico e S. Teresa a Molfetta ed è direttore artistico della rassegna culturale e musicale “Melficta Baroque”. Attualmente si sta specializzando in Organo ad indirizzo liturgico presso il Conservatorio di Bari e sta terminando gli studi di filosofia presso l’Università “Aldo Moro” di Bari. [agosto 2017]

 

Descrizione e commento della propria attività di organista liturgico:

Svolgo stabilmente attività liturgico-musicale a Molfetta e dintorni. Ho affinato, attraverso lo studio personale e la guida dei miei maestri, le tecniche dell'improvvisazione organistica, che ritengo liturgicamente fondamentali sotto due punti di vista: in primo luogo consentono di adattare la tempistica della musica liturgica alle esigenze del rito, nel rispetto di quanto prescritto dal Magistero della Chiesa; in secondo luogo consentono, di volta in volta e con un'accurata precisione, di tradurre musicalmente il contenuto teologico della Scrittura e del testo dei vari canti utilizzati nella liturgia, rendendolo più comprensibile ed emotivamente fruibile da parte dell'assemblea. Nella mia attività liturgico-musicale cerco di scegliere, in collaborazione con il celebrante di volta in volta interessato, il repertorio più adatto alla liturgia e alle letture del giorno. Sostengo la necessità del canto di tutte le parti dell' "ordinarium missae" attualmente previste dal rito romano anche nelle ("semplici") messe domenicali, necessità finalizzata a rendere più solenni le celebrazioni. Ritengo fondamentale inoltre che la figura dell'organista liturgico sviluppi tecniche canore appropriate al servizio che presta, non lasciando questa parte importantissima del suo lavoro al caso o all'imperizia, a mio avviso sconveniente tanto da un punto di vista estetico-musicale quanto da un punto di vista meramente liturgico, data la grande funzione che riveste il canto nella liturgia.

Organista presso:
Parrocchia Santa Teresa - Molfetta
Ritratto [è possibile inserire una foto personale accedendo con le proprie credenziali]:
Ritratto di zanzivan