Rattini Stefano

Tu sei qui

Residenza:
Trento (TN)
Curriculum breve:

Stefano Rattini, organista titolare della Cattedrale di Trento e docente di Teoria, Analisi e Composizione presso il Liceo Musicale e Coreutico di Trento, insegna improvvisazione organistica come docente a contratto presso i Conservatori di Como, Trento, Mantova e Bergamo, all'Istituto di Musica sacra di Trento, al Pontificio Istituto Ambrosiano di Musica Sacra di Milano e presso i corsi annuali organizzati a Cremona dall’Associazione Italiana Organisti di Chiesa. Si è diplomato con il massimo dei voti e la lode in Organo e Composizione Organistica nella classe di Giancarlo Parodi e si è in seguito perfezionato con Stefano Innocenti e Christopher Stembridge per la musica antica, con Antonio Zanon per la composizione e con Fausto Caporali, Günther Kaunzinger, William Porter e Loïc Mallié (Haarlem, NL, Londra e Smarano) per l'improvvisazione. Si è laureato cum laude in “Organo Antico” sotto la guida di Federico Maria Recchia.

Ha tenuto un considerevole numero di concerti in Italia e all'Estero (Taiwan, Austria, Svizzera, Francia, Germania, Polonia, Serbia), suonando per importanti Festival e Rassegne Internazionali (si segnalano: National Concert Hall, Taipei-Taiwan, Epiphanien Orgeltage, Berlin; Cattedrale di Cuenca e Basilica di Igualada, Spagna; Basilica di Ilbenstadt, Frankfurt; Settimane Musicali di Lugano; Itinerari Organistici Bresciani; Miedzynarodowny Festiwal Muzyki Organowej, Cattedrale di Oliwa, Danzica; Hedwigs-Kathedrale di Berlino; Cattedrale di Belgrado; Frauenkirche, Norimberga; Sagra Musicale Umbra, Perugia; Basilica della Passione, Vespri d'Organo in Sant'Alessandro e Notturni Musicali a Villa Simonetta, Milano; Vespri d'Organo nel Duomo di Firenze; Basilica dei Frari di Venezia; Cattedrali di Milano, Padova, Modena, Brixen, Innsbruck, Salzburg; Festival Organistico Internazionale “Città di Treviso”; Società del Quartetto e Amici della Musica di Vicenza). Ha collaborato con direttori e solisti di fama internazionale: ricordiamo tra gli altri Mauricio Kagel, Valery Gradow, Roger Bobo, Frøydis Ree Wekre, Markus Theinert, Arturo Sacchetti. Ha effettuato alcune registrazioni per la RAI e ha inciso per le case discografiche “La Bottega Discantica”, “Rainbow Classics”, “Pro Civitate Cristiana”, “Ginger Studio”, “Edizioni Carrara”, "Tactus", "Il Diapason" e Bongiovanni. Ha pubblicato, per i tipi di Rugginenti, Carrara e EurArte, alcune composizioni organistiche. Per la Società Filarmonica di Trento ha curato l’edizione critica della musica organistica di Attilio Bormioli.

Particolarmente attento alle problematiche relative alla formazione critica del pubblico, ha ideato e conduce a Trento la "Scuola d'Ascolto della Musica Organistica". Da anni approfondisce il repertorio per ottoni e organo, quale membro dell'Ensemble En Chamade, da lui costituito. Il suo interesse per la pubblicistica lo ha portato ad esercitare per un quinquennio la critica musicale per il quotidiano "L'Adige". Per un ventennio ha ricoperto il ruolo di docente d'Organo e pianoforte presso l'Istituto Diocesano di Musica Sacra di Trento. Figura tra i soci fondatori ed è presidente dell'Associazione Organistica Trentina Renato Lunelli, ed è direttore artistico del Centro Culturale Carlo Serassi. E' membro della Commissione Organi della Diocesi di Trento e della Commissione Artistica del Festival di Musica Sacra di Trento e Bolzano. Ha fatto parte della giuria al Concorso Organistico Nazionale “San Guido d’Aquesana”.  [settembre 2016]

 

 

Organista presso:
Cattedrale di Trento
Ritratto [è possibile inserire una foto personale accedendo con le proprie credenziali]:
Ritratto di sterat188